NEWS - Tutte le foto del Marocco 2014 e delle Canarie 2014!!

NEWS - Tutte le mie fotografie!!

Caro Mr. Vespa, Giorgio Bettinelli...

AddThis Social Bookmark Button

Giorgio BettinelliGiorgio Bettinelli Anche se tardi nella mia modesta vita di viaggiatore, ho conosciuto finalmente Mr. Vespa, o Makke Buolo (Marco Polo detto dai cinesi), ovvero il caro Giorgio Bettinelli. O per meglio dire, la sua letteratura, visto che lui ci ha lasciato nel 2008, alcuni anni or sono, sfortunatamente. (O, visto che le cause della sua morte nella sua casa sul Mekong non sono così chiare, pare febbre gialla, io spero che Giorgio sia ancora lì, nell'anonimato, a esplorare come si deve il Tibet, come voleva fare...)

Dovendo andare per qualche giorno in Cina, mi sono regalato come libro di accompagnamento "La Cina in Vespa". E come Giorgio ha avuto per la Vespa un amore istantaneo ed assoluto, così il mio omonimo dalle prime pagine ha destato in me il più grande interesse, stima, coinvolgimento e, pagina dopo pagina, è diventato un compagno di viaggio sempre più caro.

Giorgio BettinelliGiorgio Bettinelli Giorgio non è uno di quelli che da pochi viaggetti striminziti e frettolosi tirano fuori libri, storie, blog (un po' come me, quindi...) e montano su un baraccone. Giorgio ha fatto il suo primo viaggio a 14 anni, in autostop verso Copenaghen, a 17 era già su un magic bus verso l'India e Katmandu, nel periodo in cui si andava in India a morire di stupore, prima, e di eroina poi. Ma lui è ritornato pulito, limpido, sempre curioso come una scimmia, come si definiva lui.

E la sua vita è diventata il viaggio. Viaggi di mesi, il primo da Roma a Saigon in Vespa, e poi di anni, nelle sue worldwide odissey in Vespa. Viaggiare per due o tre anni di fila vuol dire che durante il viaggio si svolge la tua vita, vuol dire che ti innamori più e più volte, trovi amici che poi rivedi, trovi case che ti accolgono e diventano casa tua quando ripassi di lì, trovi ribelli che ti sequestrano per tre giorni, trovi anche una moglie (Ya Pei, conosciuta in Nepal) che ti segue in viaggio...

Giorgio BettinelliGiorgio Bettinelli Ecco, è questo che mi ha stupito di Giorgio. Leggendo i suoi libri (subito dopo la "Cina in Vespa" mi sono procurato "Rapsody in black", in Vespa dall'Angola allo Yemen), ti viene aperta una finestra sui paesi che attraversa, sulla loro storia, sulle percezioni che hanno i suoi occhi, sul lato umano della sua vita e dei suoi pensieri, senza mai essere autocelebrativo nè, tantomeno, commiserarsi. Non sono diari di viaggio, ma veri e propri libri. Infatti Giorgio, al ritorno dai suoi viaggi, impiegava un paio di anni a rivisitare il materiale raccolto (foto e video e libri e cartine. Il diario no. Che io sappia scriveva pochissime pagine durante il viaggio), rifugiandosi magari a Bali, dando un filo logico ai suoi ricordi e creandone dei libri asciutti, chiari, nemmeno troppo voluminosi se si pensa alla quantità di esperienze vissute. Libri ben scritti.

Giorgio BettinelliGiorgio Bettinelli A differenza di altri autori, diciamo che se avessi Giorgio davanti vorrei fargli qualche migliaio di domande. Soprattutto legate alla sua vita pratica quando raggiungeva i villaggi più remoti, ai suoi esorcismi, alla sua musica, di cui scrive pochissimo, poi anche sulle sue Vespe, con le quali sembra aver fatto 300.000 km senza sapere nulla di meccanica, mentre il mio Beverly (il fratello maggiore della Vespa) ha appena 20.000 km e ne ha sempre una... Il tutto fatto non come un'intervista, ma chiacchierando bevendoci 2 o 3 bottiglie di Lao (o qualche altra birra del mondo, ovviamente sul posto) come amava fare lui e, su questo siamo simili, come amo fare anch'io...

Non ti ho mai conosciuto, ma mi manchi, Mr. Vespa...

 
  • images/viaggi/slideshow/bpe12.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe18.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe30.jpg
  • images/viaggi/slideshow/bpe45.jpg
  • images/viaggi/slideshow/brazil25.jpg
  • images/viaggi/slideshow/brazil52.jpg
  • images/viaggi/slideshow/cuba56.jpg
  • images/viaggi/slideshow/guatemala02.jpg
  • images/viaggi/slideshow/india53.jpg
  • images/viaggi/slideshow/india76.jpg
  • images/viaggi/slideshow/nz30.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan15.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan17.jpg
  • images/viaggi/slideshow/tan46.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-011 - Copia.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-011.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-019.jpg
  • images/viaggi/slideshow/thailandia-071.jpg
  • images/viaggi/slideshow/vietnam25.jpg

Apprezzi il mio lavoro?

Qualcosa che hai letto ti ha colpito?

Vorresti viaggiare ma non puoi farlo?

Aiutami a continuare a scrivere e viaggiare...

Prossimi viaggi
Non ci sono eventi al momento.
Viaggi passati
Mostra tutti...
Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.

Guy de Maupassant, Al sole, 1884
devin_foresta.jpg